5 Luglio 2018

VISION

Chi è segnato dalla nascita?
Le mamme, i papà, i bambini e le bambine, gli operatori sanitari, le famiglie, la comunità.

Nascere Segna” è un gruppo di studio, un luogo di incontro e confronto sull’umanizzazione delle cure nella nascita.
L’evento nascita non è solo un punto di arrivo, bensì un processo che modifica per sempre la nostra vita, dal punto di vista fisico, psichico e sociale.
La donna e il bambino devono avere la possibilità di essere accolti, ascoltati e rispettati nell’evoluzione di un cambiamento, che lascerà un segno nel resto della vita.
La violazione dei diritti delle mamme e dei bambini durante la gravidanza, la nascita e il post parto, a livello internazionale viene definita “Violenza Ostetrica”*.

E in Italia?

Nell’ottica della promozione del diritto umano fondamentale della Salute, che include il diritto a una assistenza sanitaria rispettosa e dignitosa e del principio di condivisione di buone pratiche e di dialogo tra modelli differenti, è benvenuta la collaborazione e la partecipazione dei diversi soggetti, istituzionali e non, che sono coinvolti prima, durante e dopo il delicato momento della nascita di un nuovo individuo.


* Per violenza ostetrica si intende l’appropriazione del corpo e dei processi riproduttivi delle donne da parte del personale medico, che si traduce in un trattamento disumano, in un eccesso di medicalizzazione e patologizzazione dei processi naturali, comportando la perdita di autonomia e di capacità di decidere liberamente sul proprio corpo e sulla propria sessualità, impattando negativamente sulla qualità di vita delle donne (definizione inserita nella Legge quadro sulla violenza contro le donne del 2007 in Venezuela).